Nell’ultimo anno abbiamo assistito ad un affermarsi, sempre più determinato, del riconoscimento vocale, applicato in più campi. Anche Google non poteva essere da meno, proponendo il nuovo device nella linea hardware, che traduce tutti i servizi Google in ambito privato\domestico.

Ma cos’è Google Home?

Google Home è un apparecchio speaker, dotato di connettività, facile ed intuitivo, che riesce a rispondere, a comando, a qualsiasi tipo di ordine gli venga impartito dall’esterno ed interagire tramite sintetizzatore vocale e comando (vocale). Materialmente e visivamente è un device di forma tondeggiante, una cassa che funziona con energia elettrica e che si collega al Wi-Fi, che sicuramente rende la vita più facile e non solo per l’intrattenimento (infatti Google Home nasce come una cassa\amplificatore per ascoltare musica, ad una notevolissima qualità audio). Non si tratta solo di un dispositivo in grado di rispondere agli utenti ma, al suo interno, troviamo tutta la vastissima gamma di servizi Google: strumento di interazione a trecentosessanta gradi, non solo all’avanguardia, ma anche intelligente; pensato per rendere le attività domestiche più semplici, soprattutto i servizi di Google Now, che erano disponibili solo per dispositivi mobili.

Google Home è un componente di arredamento adatto a qualsiasi interno, che non necessita di essere sempre a contatto con gli utenti, ma diventa un “orecchio” quasi invisibile, in grado di percepire i comandi e le esigenze. E’ un assistente, un maggiordomo silenzioso, che occupa poco spazio.

E se, fino ad oggi, il comando vocale era fin troppo una “chicca” superflua, qui diventa la chiave per aprire il dispositivo ai suoi tantissimi usi; ecco tutte le funzioni di Google Home:

  • Ricerche: Google Home è la nuova frontiera della ricerca vocale, che permette di conoscere informazioni di qualsiasi genere, senza dover accendere un computer, stando comodamente seduti sul proprio divano di casa. Qualsiasi interrogativo potrà essere sottoposto all’attenzione del device che, dopo una ricerca velocissima, potrà rispondervi puntuale attraverso il sintetizzatore vocale dello speaker.
  • Timer\sveglia: possiamo comandare al device di ricordarci di fare qualcosa, di avere un appuntamento o, semplicemente, di sollecitare la nostra attenzione entro pochi minuti;
  • Agenda: possiamo aggiungere, tramite il comando vocale, nuovi appuntamenti alla nostra agenda, modificare gli orari, o cancellare qualcos’altro;
  • Dizionario\traduzione: Google Home contiene un’infinita gamma di vocaboli, significati e lingue. Attraverso la ricerca vocale, si possono scoprire la pronuncia, il significato e la traduzione di milioni di parole;
  • Chiacchiere: ebbene si, Google Home è anche di compagnia. Si può chiedere al device di raccontarti una storia o una barzelletta, o semplicemente di scambiare informazioni, alle quali il dispositivo risponderà;
  • Domotica: attraverso il comando vocale, Google Home potrà accendere o spegnere i dispositivi luminosi (ma anche quelli elettrici, come il forno o la televisione) della casa, e con il sistema IF-THEN, possiamo comandargli di spegnere le luci se, ad esempio, dovessimo uscire di casa.

Oltre a tutto questo, ovviamente, Google Home può calcolare distanze, dare notizie di sport, attualità, meteo ecc. E naturalmente è uno speaker musicale, quindi abbiamo a disposizione la possibilità di utilizzarlo con Youtube o Spotify, ad esempio.
Secondi voi la ricerca vocale cambierà radicalmente le nostre abitudini giornaliere?